A cura di Manuela Rossini

 

 

Fornire un’unica definizione di famiglia è difficile a causa delle diverse forme e strutture familiari. Secondo Eugenia Scabini, la famiglia è: “quella specifica e unica organizzazione che lega e tiene insieme le differenze originarie e fondamentali dell’uomo, quella tra i generi maschile e femminile, tra le generazioni (genitori e figli) e tra le stirpi ovvero l’albero genealogico materno e paterno e che ha come obiettivo e progetto intrinseco la generatività[1].

 

La famiglia moderna

A partire dagli anni ‘70, la struttura della famiglia si è trasformata: il numero dei matrimoni è diminuito e con esso il numero di nascite, dando luogo a un maggior numero di separazioni e di divorzi: ciò ha fatto sì che si formassero nuove strutture familiari. L’era post-moderna della famiglia ha reso più fragile l’istituzione matrimoniale, in primis perché l’industrializzazione avanzata ha portato con sé l’ingresso delle donne nel mondo del lavoro; in secondo luogo, si è assistito ad un declino dei valori religiosi tradizionali, in favore di un pluralismo ideologico, un’autonomia individuale e un’ideale romantico dell’amore.

La pluralizzazione degli stili di vita, dei modelli di consumo, ha incoraggiato la realizzazione personale, l’elasticità della suddivisione dei ruoli tra i coniugi e una maggiore autonomia economica vicendevole tra i partner, generando così una variazione ed una conseguente riorganizzazione della struttura delle famiglie.

Ad oggi, l’articolo 2 della Costituzione italiana definisce la famiglia quale principale «formazione sociale in cui l’uomo svolge la sua personalità»[2] e la riconosce quale società naturale fondata sul matrimonio, preesistente allo Stato.

 

La trasformazione della “famiglia”

La famiglia è oggetto di un grande dibattito sulle caratteristiche che la qualificano come tale. La discussione è centrata su quali sono i caratteri condivisi che definiscono la famiglia, famiglia, poiché negli ultimi trent’anni ha subito notevoli trasformazioni. Ciononostante, secondo l’opinione comune la famiglia è vista quale punto fermo e sicuro sul quale si può sempre fare affidamento. A rivelarlo, è la ricerca “Modern Family: dal 1989 a oggi, com’è cambiata la famiglia in 30 anni“, commissionata da BNP Paribas Cardiff e condotta dall’istituto di ricerca Eumetra MR e condotta su un campione di popolazione compresa tra i 25 e i 70 anni. I risultati della ricerca rivelano che le famiglie sono cambiate sensibilmente rispetto a trent’anni fa: sono aumentati sensibilmente i single (+110%), i matrimoni sono crollati del -40,5% a favore della convivenza e sono aumentati significativamente i divorzi (+230%). Nonostante questa trasformazione, dalla ricerca di BNP Paribas Cardif emerge che la famiglia di oggi si definisce tradizionale (per il 37%), un porto sicuro (31%), moderna e aperta (26%) ma il dato più sorprendente è che oltre sette famiglie su dieci (71%) si sentono più felici e serene rispetto a trent’anni fa.[3]

Rispetto al passato, le famiglie di oggi hanno più timori per i pericoli e i rischi esterni alla famiglia: i genitori cercano di dare maggiori certezze e sicurezze ai propri figli (57%) e cresce sensibilmente la stima nei loro confronti (48%), la voglia di affetto (42%) e l’essere amico (27%). È emerso inoltre che il legame con la famiglia di origine è molto forte: il 25% degli anziani dà un aiuto consistente alla nuova famiglia, mentre il 45% riceve assistenza dai propri cari più giovani. Per quanto riguarda la sfera lavorativa, oggi lavorare è considerato dalla maggioranza (72%) più facile e più semplice. Le donne stanno lentamente guadagnando terreno rispetto ai loro coniugi nei ruoli di imprenditrici e manager, nonostante la parità di genere non sia stata ancora raggiunta. Solo il 34% delle donne è casalinga; con la trasformazione della società molte aziende hanno adottato politiche di work life balance per andare incontro alle esigenze dei lavoratori. È il caso dello smart working, dove circa il 37% del campione dichiara di averlo fatto almeno una volta, o del part time, più praticato dalle donne, che va incontro alle esigenze delle nuove famiglie. A livello generale, rispetto al partner i dati però dimostrano ancora delle disuguaglianze: il 59% delle donne dichiara di lavorare meno in termini di ore e il 65% denuncia di percepire un reddito inferiore.[4] Per ciò che concerne la tecnologia, anch’essa si è adattata al concetto della famiglia moderna: il 95% di coloro che ne hanno accesso usa internet quotidianamente e il 74% usa le piattaforme digitali ogni giorno.[5]

 

Work life balance in emergenza

L’emergenza sanitaria legata al Coronavirus e delle conseguenti misure di prevenzione messe in atto per evitare il contagio, hanno reso difficile per le famiglie la conciliazione delle esigenze lavorative con le esigenze familiari. In aggiunta a questo, molti genitori hanno dovuto guidare i figli nel processo di adattamento all’emergenza sanitaria.

La resilienza, intesa quale capacità di migliorare di fronte alle avversità, è stata ed è fondamentale in questo contesto. È necessario ricordarsi che non esistono genitori perfetti e, tanto meno famiglie ideali ed il processo di adattamento non è facile, lo si raggiunge attraverso diversi tentativi ed errori. Al fine di promuovere la resilienza all’interno della famiglia, è utile cercare di normalizzare e circoscrivere il disagio che si sta affrontando.

Il focus centrale è dato dall’accettazione del trascorrere del tempo che comporta necessariamente dei cambiamenti. Infatti, se un membro della famiglia o tutto il nucleo familiare non dovesse accettare questa condizione, si andrebbe incontro ad una pericolosa paura dell’ignoto e del nuovo che avanza, impedendo così ogni nuova forma di progettazione futura. In aggiunta a questo, è fondamentale il modo in cui una famiglia decide di inquadrare ed affrontare le difficoltà che si presentano, valutando le strategie per superarle. All’interno di una famiglia, il fatto di continuare a pensare ai possibili fallimenti futuri porterebbe ad avere pensieri negativi e quindi aumenterebbero le possibilità di agire in modo tale da confermare le previsioni pessimiste. Questo circolo vizioso potrebbe far scaturire una crisi all’interno del nucleo familiare. In aggiunta a questo, è necessario non commettere l’errore di minimizzare le risorse che la famiglia possiede, oppure ingigantire la gravità dei problemi e delle criticità che si presentano e dar adito a pensieri catastrofici. Al contrario, al fine di incrementare e migliorare la resilienza della famiglia, è importante aprirsi ad un atteggiamento propositivo in grado di contribuire a ricordare e non far perdere di vista le potenzialità del proprio assetto familiare.

 

Il team MyPEOPLEcare, ha sviluppato un progetto aperto a tutte le donne, lavoratrici e non.

Attraverso i SEMINARI MAMMA, avrai la possibilità di affrontare diversi argomenti dell’essere mamma al creare e vivere una famiglia, iniziando un percorso di riflessione e di supporto su che cosa significa oggi realizzare un progetto familiare.

I SEMINARI MAMMA si compongono di otto incontri in Live Streaming della durata di due ore ciascuno in cui vengono trattati temi rivolti alle madri in cui puoi riflettere sulla tua genitorialità e sul rapporto con tuo figlio, confrontandoti con altre donne mamme.

Scopri ora il l’offerta MAMA CARE PER AZIENDE!

 

 

RIFERIMENTI:

https://www.ansa.it/canale_lifestyle/notizie/societa_diritti/2019/11/09/modern-family-la-famiglia-italiana-di-oggi-tra-tradizione-e-nuove-aperture_cb52b26d-4c6f-47b7-97dc-749f31a17351.html

https://www.centropsy.it/psicologia-clinica/resilienza-in-famiglia/

https://www.stateofmind.it/tag/resilienza/

https://www.stateofmind.it/tag/famiglia/

https://www.stateofmind.it/2020/07/famiglia-covid19-report-dellamorte/

http://www.sussidiarieta.net/files/Pdf/032006/Scabini.pdf

[1] http://www.sussidiarieta.net/files/Pdf/032006/Scabini.pdf

[2] https://www.senato.it/1025?sezione=118&articolo_numero_articolo=2

[3] https://www.ansa.it/canale_lifestyle/notizie/societa_diritti/2019/11/09/modern-family-la-famiglia-italiana-di-oggi-tra-tradizione-e-nuove-aperture_cb52b26d-4c6f-47b7-97dc-749f31a17351.html

[4] https://www.ansa.it/canale_lifestyle/notizie/societa_diritti/2019/11/09/modern-family-la-famiglia-italiana-di-oggi-tra-tradizione-e-nuove-aperture_cb52b26d-4c6f-47b7-97dc-749f31a17351.html

[5] https://www.ansa.it/canale_lifestyle/notizie/societa_diritti/2019/11/09/modern-family-la-famiglia-italiana-di-oggi-tra-tradizione-e-nuove-aperture_cb52b26d-4c6f-47b7-97dc-749f31a17351.html

× Parliamone insieme, scrivimi su whatsapp!